• +39.080.3101016
  • info@molitecnicasud.it
  • Lun - Ven 08.00 - 13.00 - 15.00 - 18.00
CARLO PELLICOLA SULL’AUMENTO DEI PREZZI DEI METALLI

Comunicato stampa del 31 Marzo 2021

di Carlo Pellicola, Amministratore Unico di Molitecnica Sud e Gruppo Pellicola, Presidente di Confimi Meccanica Puglia e Vice Presidente Nazionale di Confimi Meccanica.

Carlo Pellicola
Carlo Pellicola

“L’impennata dei prezzi sui mercati internazionali si riflette con il “ritardo” sui prezzi all’importazione e alla produzione. Uno shock sui prezzi di acquisto delle materie prime che inevitabilmente si riflette sui listini di vendita delle imprese, ancor più in una fase di diffusa debolezza della domanda dovuta all’emergenza pandemica in corso.

La situazione nazionale non si discosta dalla situazione delle singole regioni e tanto meno dal territorio murgiano di Altamura, capofila dei comuni in cui la produzione meccanica incide sul prodotto finale – dichiara Carlo Pellicola, Vicepresidente Nazionale di Confimi Meccanica.

I prezzi sono in costante aumento dalla ripresa lavorativa di settembre, per una variazione che va dal 5% dell’alluminio, fino a toccare la soglia del 40% dei prezzi dei materiali ferrosi e delle leghe che ne derivano.

I rialzi non trovano soddisfazione nell’aumento della produzione italiana e della ricchezza prodotta e quindi in una prima lettura è difficile trovare una spiegazione soddisfacente, se non legata allo scenario internazionale.

Il 2020 sarà ricordato infatti per le conseguenze dirompenti di quell’inedita crisi sanitaria mondiale che passerà alla storia come pandemia Covid-19. La Cina, prima vittima del virus, è stata la prima nazione a rimettersi in moto dopo l’emergenza: le sue manifatture sono infatti tornate in forte espansione dal mese di maggio sull’onda di vistose accelerazioni degli ordini e della produzione industriale sollecitati dalla domanda interna.

Una ripresa che consentirà al Dragone, unico Paese tra le grandi economie, a chiudere l’anno con il PIL a segno positivo, intorno al 2% secondo il Fondo Monetario Internazionale. La ripartenza del gigante asiatico con la sua pressante domanda di materie prime ha innescato repentini rialzi dei prezzi delle materie prime, che avevano assunto un tono molto depresso durante l’intero primo quadrimestre.

La totalità dei metalli ferrosi e non ferrosi ha attraversato le stesse tappe: depressione iniziale (-19,7%) e successiva riscossa fino a dicembre (+51,1%). Entrando nello specifico della siderurgia, si delineano evidenti rimbalzi riferiti alle sue tradizionali filiere.

In conclusione, le attese di una ripresa serrata dell’economia nazionale sarebbero auspicabili per il sol fatto che, il comparto di riferimento dei metalli ferrosi rappresenta la ripartenza dell’intero Paese e l’equilibrio dei prezzi delle materie prime genera margine per le nostre aziende non solo del territorio altamurano”.

Carlo Pellicola,

Amministratore Unico di Molitecnica Sud e Gruppo Pellicola,

Presidente di Confimi Meccanica Puglia e Vice Presidente Nazionale di Confimi Meccanica.